TUMORI BENIGNI DEL FEGATO

ANGIOMA EPATICO

L’ Villeneuve-Saint-Georges angioma epatico (o anche emangioma cavernoso) è la forma di http://saouna-massage-naturiste.fr/?makaronik=belle-photo-pour-site-de-rencontre&bac=1d tumore al fegato benigno più comune. Considerato un tipo di lesione ad origine http://dosiper.com/?derime=granadilla-de-abona-conocer-chicos&a60=ee malformativa delle strutture vascolari del fegato, è spesso diagnosticato in modo incidentale in corso di esami per altra causa. Nella maggior parte dei casi non richiedono di essere trattati ma solo di essere Wonosobo controllati nel tempo per la possibilità di crescita o di insorgenza di nuovi angiomi. L’indicazione chirurgica è riservata alle condizioni di significativo incremento del volume, nei casi sintomatici o dove esista un dubbio nella diagnosi. In rari casi il fegato è interessato dalla presenza diffusa di angiomi (angiomatosi multipla), il cui trattamento è stabilito per ogni singolo caso a seconda della estensione di malattia al fegato. La probabilità di trasformazione maligna di un angioma è estremamente rara così come la possibilità di rottura (idea più diffusa in passato ma non confermata dagli studi).
tumori benigni del fegato

TUMORI BENIGNI DEL FEGATO: ADENOMA EPATICO

L’ adenoma epatico (anche adenoma epatocellulare) è un tumore benigno al fegato la cui diagnosi differenziale dalle altre forme di tumore benigno al fegato è importante perché, a differenza della iperplasia nodulare focale o dell’angioma, ha la possibilità concreta di degenerare in una forma maligna o di rompersi spontaneamente e sanguinare, superati certi limiti dimensionali. È diffuso specialmente nel sesso femminile e sembra associata alla assunzione di terapie ormonali e contraccettivi orali. Necessita di essere seguito nel tempo e asportato chirurgicamente, raggiunti i limiti per la indicazione chirurgica. In rari casi, il fegato è occupato da adenomi multipli (Adenomatosi multipla epatica), il cui trattamento è stabilito in ogni singolo caso secondo il tipo, il numero e la dimensione dei noduli. In casi eccezionali, questa condizione può comportare anche il trapianto di fegato.

TUMORI BENIGNI DEL FEGATO: IPERPLASIA NODULARE FOCALE

L’iperplasia nodulare focale (oppure INF o anche FNH, acronimo inglese per Focal Nodular Hyperplasia) è un tumore benigno del fegato anch’esso più frequente nelle donne ed associato alla assunzione di preparati ormonali. A differenza dell’adenoma epatico, non degenera in forme tumorali maligne né tende alla rottura con il crescere delle sue dimensioni. Richiede solitamente di essere seguito nel tempo ed è indicata la asportazione chirurgica solo nei casi dove sono presenti sintomi rilevanti e riconducibili alla posizione e dimensioni del nodulo.

Per contatti ed ulteriori informazioni è possibile

compilare il form di contatto